Testi e traduzioni di V. Bartoli

Illustrazione di A. Manca

 

 
 

Avete mai fatto caso che quando parliamo usiamo i nomi degli animali per fare un paragone o per sottolineare un’idea?

Ad esempio: "Sei furbo come una volpe!", oppure: "Che vita da cani!".

Quando le usiamo, non sempre hanno il significato letterale, cioè il significato reale delle parole che le compongono e questo succede in tutte le lingue del mondo.

Però, per ogni lingua, i modi di dire sono diversi e divertenti.

Scopriamone qualcuno insieme.

 
 

L’uccellino

   
 

UCCELLO

Italiano

Insegnare agli uccelli

a volare

(Insegnare qualcosa a chi ne sa più di noi)

OISEAU

Francese

A vol d’oiseau

A volo d’uccello

(In linea d’aria)

   
       
 

FENG

Cinese

Feng mao ling jiao

Le piume della fenice e il corno del liocorno

In cinese uccello si dice "niao",

ma la fenice è l’uccello più simbolico e si usa nei modi di dire.

(Cose rarissime e preziose)

AVE

Spagnolo

Ave que vuela, a la cazuela

Ogni uccello che vola,

va in casseruola

(Non essere molto

selettivi nelle scelte)

 

 

BIRD

Inglese

A bird in the hand is

worth two in the bush

Un uccello nella mano ne vale due sul cespuglio

(E’ meglio avere poco e sicuro che non sperare in una cosa più grande che ancora non abbiamo)

TORI

Giapponese

Torio kayowanai tokoro

Un posto che non è

frequentato nemmeno

dagli uccelli

(Un posto nascosto

e sconosciuto)